sabato 8 novembre 2014

Recensione: HOMEWRECKER "Circle Of Death"
2014 - A389 Recordings




Gli americani HOMEWRECKER giocano duro e a carte scoperte, servendosi di un sound scarno, dal piglio diretto. Già in apertura di recensione posso annunciarvi che i quattro musicisti del progetto non ci regalano nulla di originale, ma nonostante la loro prevedibilità di fondo non vengono meno in cattiveria e impatto. Sono essenziali e viscerali. Vi piace il riffing corposo degli Integrity?!? Allora questo LP potrebbe sicuramente fare al caso vostro! "Circle Of Death" va a scavare nel fango della strada per tirare fuori il marcio che contamina le zone più disadattate delle città. Nello scorrere dei minuti emerge tanto grezzume, quell'impeto animalesco figlio dei maestri Entombed o di gruppi che hanno preso il sopravvento nell'underground degli ultimi anni: i Black Breath per esempio (date un ascolto a "Born To Suffer" o a "Illusions Of Peace"). Tutto sommato il disco si consuma senza particolari affanni (breve la sua durata), anche se, dopo soli 2 giri completi ci si rende conto che la proposta tende a stancare e ad ossidarsi velocemente. Fate un po' voi.

Contatti: 

a389recordings.bandcamp.com/homewrecker-circle-of-death
facebook.com/HomewreckerOH

TRACKLISTING: Forced Under, Circle Of Death, Born To Suffer, Illusions Of Peace, Authority Of The Mind, Skin The Pig, Punish The Ignorance, Silence The Weak, Unconscious.


Nessun commento:

Posta un commento