giovedì 27 novembre 2014

Recensione: BRETUS "The Shadow Over Innsmouth"
2015 - BloodRock Records




Roboanti e oscuri come il genere comanda, i calabresi BRETUS continuano la loro scalata nell'underground nostrano e internazionale. Avevo parlato bene della band già ai tempi del debutto "In Onirica" e oggi che il nuovo lavoro in studio ("The Shadow Over Innsmouth") si insinua sotto la mia pelle posso riconfermare le impressioni positive che riservo per questi ragazzi del Sud Italia. Quello dei Bretus è un Doom/Stoner macchiato da innumerevoli sfumature Psychedelic, utilizzate per iniettare all'interno dei brani un dramma che non frena la sua turbolenta vibrazione. Non ci sono false pretese nel sound dei nostri, proprio perché tutto si erge con quella schiettezza di fondo che fa rivivere l'anima dannata dei maestri (passano per la mente Black Sabbath, Pentagram, Cathedral, Saint Vitus). Forti della propria conoscenza in materia, i quattro musicisti della band emettono una incontenibile potenza evocativa e tanta grinta; quest'ultima attivata con grande sapienza. "The Shadow Over Innsmouth" (pubblicato da BloodRock Rec.) possiede la robustezza e la forma di un vecchio binario ferroviario arrugginito, ma perfettamente funzionante e insostituibile. Mezzo importante per trascinarvi in dei luoghi sinistri privi di tempo
e memoria. A differenza del primo album, i Bretus puntano maggiormente sulle atmosfere, infatti, ascoltando "The Oath Of Dagon", "Gilman House" o la conclusiva "A Final Journey", si capisce come i 4 amino immergersi in acque oniriche / curative. Tutti molto bravi, ma un punto in più lo voglio regalare al cantante Zagarus, perché sfodera una prova di tutto rispetto che irrobustisce la potenza sonora del gruppo. Fate attenzione: Ignorarli sarebbe un grosso errore! Il disco sarà disponibile a inizi del 2015 (Gennaio/Febbraio).

Contatti: facebook.com/BretusDoom - bretus_doom@libero.it

TRACKLISTING: Intro, The Curse Of Innsmouth, Captain Obed Marsh, Zadok Allen, The Oath Of Dagon, Gilman House, The Horribe Hunt, A Final Journey



Nessun commento:

Posta un commento