martedì 3 giugno 2014

Recensione: VADER "Tibi Et Igni"
CD 2014 - nuclear blast




Ci sono gruppi che anno dopo anno hanno fortificato la propria posizione all'interno del panorama estremo del vecchio continente. Una storia fatta di battaglie continue, sanguinose, consumate tra vinti e vincitori. Si sa che la scena polacca ha sempre vantato i suoi nomi illustri (...che un po' tutti conosciamo) e, tra i tanti, sicuramente devono essere citati i VADER, capitanati dall'esperto Piotr "Peter" Wiwczarek. Questi musicisti, non curanti delle correnti musicali esterne ed estranee al death metal, continuano a perseverare, nonostante i segni del tempo siano ben visibili sulla loro pelle. Importante rivelare come l'evoluzione dei nostri stia insistendo per diffondersi rapidamente, senza snaturare l'essenza del suono che, in "Tibi Et Igni", rimane estremamente teso e chirurgico (complice una produzione raffinata e fin troppo ripulita!!). Potrebbe essere considerato un buon traguardo. Forse i Vader non possiedono più quella sfrontatezza emersa ai tempi di "De Profundis" (1995), ma comunque non possono ugualmente essere colpevolizzati di superficialità. Il disco, parte bene sotto i colpi incessanti dell'opener "Go To Hell" (aperta da un intro epico di oltre un minuto) ed è praticamente impossibile evitare l'onda d'urto che si abbatte sul mio cranio predisposto a subire continue punizioni sonore. Il death metal in "Tibi Et Igni" lascia spesso il posto al thrash metal serrato (si potrebbe estrarre "Triumph Of Death" come esempio) e questo aspetto incide notevolmente sull'impianto generale del nuovo album pubblicato dalla tedesca Nuclear Blast. Non c'è un attimo di pace, i 4 polacchi vanno dritti al ventre con una carica dirompente in grado di fare ancora molto male. Se da un punto di vista musicale non è uno dei loro lavori migliori, "Tibi Et Igni" tuttavia presenta dei brani che dimostrano la buona padronanza tecnica ed esecutiva raggiunta in fase di songwriting. Credo che ai fan possa bastare.

Contatti: vader.pl - facebook.com/vader

TRACKLISTING: Go to Hell, Where Angels Weep, Armada on Fire, Triumph of Death, Hexenkessel, Abandon All Hope, Worms of Eden, The Eye of the Abyss, Light Reaper, The End.


Nessun commento:

Posta un commento