domenica 22 giugno 2014

Recensione: SEPTIC FLESH "Titan"
CD 2014 - season of mist | prosthetic records




Ne hanno fatta di strada i greci SEPTIC FLESH, padroni di un percorso personale, incredibilmente lungo e longevo, segnato da ben 9 album messi in commercio dal lontano 1990 (anno della loro nascita). Artisti rodati che sorprendono attraverso un suono percussivo ed elaborato, musicisti che sanno lavorare con professionalità elegante e con piccoli espedienti di astuzia (che non guastano mai!!). Questo nuovo album "Titan" esplora sinfonie epiche che non mancheranno di fare breccia sui fan più esigenti, quelli che si entusiasmano soprattutto quando la musica riserva emozioni inaspettate e rivela una certa maestosità interiore. La visione speculare iniettata al songwriting aumenta tutto l'impatto delle tracce e già la prima canzone "War In Heaven" dimostra come i nostri abbiano lavorato meticolosamente sulle atmosfere per dare una buona ossatura di base al sound generato per "Titan" (...provate ad ascoltare ciò che i componenti della Filarmonica di Praga hanno architettato per "Order of Dracul", la bellissima "Dogma", oppure la terrificante e lugubre "Confessions of a Serial Killer"). Fortunatamente i Septic Flesh non rinnegano le radici del death metal e questo non fa che giocare a loro favore. Altra song interessante è "Prometheus", così oscura, brutale, apocalittica da non fare prigionieri. Questo è un disco davvero notevole che merita tutta la vostra attenzione. Pur non essendo io un appassionato di sonorità troppo pulite e chirurgiche devo comunque sottolineare il valore indiscusso di questa formazione. Grande ritorno!

Contatti: septicflesh.com - facebook.com/septicfleshband

TRACKLISTING: War in Heaven, Burn, Order of Dracul, Prototype, Dogma, Prometheus, Titan, Confessions of a Serial Killer, Ground Zero, The First Immortal.




Nessun commento:

Posta un commento