martedì 27 maggio 2014

Recensione: CROWBAR "Symmetry In Black"
CD 2014 - century media




Kirk Windstein e i suoi CROWBAR (nati nel lontano 1990) sono tornati! Una delle più grandi realtà dello sludge/metal americano (insieme agli amici EyeHateGod) continua a tenere il passo, pubblicando degli album roventi, validissimi sul piano compositivo / esecutivo. Questa dura perseveranza, ancora oggi, inietta energia positiva alla loro indiscussa longevità. Ora finalmente è uscito il nuovo CD "Symmetry In Black" e sembra in grado di vincere le resistenze anche dei più scettici. Il motivo?? I Crowbar non hanno cambiato pelle! Il disco si snoda su di una lunghezza di oltre 40 minuti, mettendo al rogo tutte le peculiarità che da sempre animano le composizioni dei musicisti di New Orleans, dalle convulsioni rallentate
e depressive, alle fughe più sostenute e sgraziate (prendete come esempio "Ageless Decay"). Ad accompagnare Kirk W. (che ha deciso di allontanarsi definitivamente dai sui compagni coinvolti nei Down) in questa ultima fatica il chitarrista Matthew Brunson ed una sezione ritmica solida come l'acciaio (Jeff Golden - basso, Tommy Buckley - batteria, quest'ultimo è il drummer dei potentissimi Soilent Green). Il risultato, dal punto di vista sonoro è davvero poderoso, un bilanciamento perfetto tra il loro stile riconoscibilissimo e tracciati sonori che un po' risentono dei più cerebrali High On Fire di Matt Pike (la title track "Symmetry In Black"). Questo full-length mi fa pensare che i Crowbar non solo sono in ottima forma, ma che l'identità che li contraddistingue è viva e fedele alle origini. Una mentalità punk fatta di provocazione e totale dedizione al genere suonato. Non c'è un solo brano che in quest'ottica sia superfluo, fuori posto. L'intera opera (la decima in 24 anni di carriera) è rocciosa nelle ritmiche, tagliente nei riffs e supportata dalla voce profonda e cavernosa del sempre ispirato Windstein. Insomma, se volete godere di un attitudine genuina, "Symmetry In Black" è l'ennesima prova di classe che i fan della band non faranno fatica ad osannare. Un lavoro questo, che mostra anche qualche sintomo incoraggiante di nuove aperture musicali. Bentornati!

Contatti: facebook.com/crowbarmusic

TRACKLISTING: Walk with Knowledge Wisely, Symmetry in White, The Taste of Dying, Reflection of Deceit, Ageless Decay, Amaranthine, The Foreboding, Shaman of Belief, Teach the Blind to See, A Wealth of Empathy, Symbolic Suicide, The Piety of Self-Loathing.




Nessun commento:

Posta un commento