mercoledì 9 aprile 2014

Intervista: TREHA SEKTORI - "VERSO L'OSCURO DIVENIRE"






HO IL PIACERE DI PUBBLICARE LA LUNGA ED INTERESSANTE INTERVISTA CON IL FRANCESE DEHN SORA, MENTE ED UNICO COMPOSITORE DI TREHA SEKTORI. QUESTO E' SICURAMENTE UNO DEGLI ARTISTI PIU' INTERESSANTI NEL CIRCUITO DEL DARK AMBIENT. LA SUA ATTIVITA' MUSICALE SI E' AMPLIFICATA GRAZIE ALL'ETICHETTA CANADESE CYCLIC LAW CHE LO HA PRESO SOTTO LA SUA ALA PROTETTRICE.

1. Ciao Vincent. Potresti raccontarci un po' dei primi giorni del tuo progetto Treha Sektori? Ti ricordi quando e come sei stato introdotto nella musica dark ambient?

- Ciao Christian, grazie per la tua intervista. Penso di aver iniziato con Treha Sektori perché suonava un po' cliché, ma ne avevo bisogno. Ho provato a catturare quello che ho visto, quello che ho usato per vivere in modi diversi, musicali e non, e Treha Sektori sembrava essere il più completo, il più reale per me. Non posso smettere di vivere con esso, questo è uno dei miei polmoni. In qualche modo volevo delle immagini, sensazioni e ossessioni. Mentre rispondo a questa domanda, ritorno al passato, e ricordo i tanti momenti. Questo mi è venuto in mente. Una delle insegnanti di grafica della mia scuola, prima di partire per Praga, mi ha detto di ascoltare della musica mentre ero alla scoperta di alcuni luoghi. Così ho preso alcune tracce su cui stavo lavorando e ho iniziato ad ascoltarla durante una passeggiata notturna. Ho cominciato a sentirmi completamente perso, ho anche vissuto momenti di panico, attimi di pura libertà. Poi, ho cancellato quei tentativi, e per il primo minuto sono tornato ai miei strumenti, cercando di catturare le sensazioni che ho avuto. Essere altrove... In piedi, nella vostra mente. Credo che questo sia il motore. In un certo senso ho iniziato ad ascoltare la musica dark ambient e le colonne sonore cinematografiche. Io amo l'astrazione e la libertà di immaginazione che dà questo tipo di musica.

2. Hai qualche educazione musicale o sei un autodidatta?

- Ho imparato un po' il pianoforte quando ero un ragazzino ma ha dovuto smettere per diversi motivi. Mio padre suonava il basso, credo di aver imparato alcuni approcci attraverso il suo modo di suonare. Dopo di che, ho continuato a suonare, scoprendo un mio personale strumento. Non sono di certo un tecnico, io suono ad orecchio, e questo è quanto ho appreso suonando i miei strumenti. Ho trascorso anni ad ascoltare diversi stili musicali, varie colonne sonore. Credo che ogni suono che mi gira intorno sia la mia principale formazione musicale.

3. Allora cosa hai fatto ultimamente? Qual è l'ultima novità riguardo il tuo progetto? Hai alcuni nuovi brani, nuovi concerti, nuovi video?

- Mentre sto scrivendo, sarò in giro per l'Europa con Amenra, Oathbreaker e Hessian. Questo è il mio primo tour e sono abbastanza nervoso. Avrò anche degli show interessanti dopo il tour: a Mosca, Brest, in Francia, una serata in una bella Chiesa di Ra a Gent... Poi, pubblicherò un nuovo lavoro con l'etichetta Cyclic Law. Questo non sarà un terzo album, ma come un'appendice al precedente "Endessiah". Sono dei piccoli pezzi che ho scritto, ri-assemblati in uno più grande. Sarà un modo per terminare un ciclo e guardare avanti. Sarà pubblicato uno split 10" con Amenra, una piccola introduzione ad un diverso approccio musicale. Sarà più vivo... non so ancora... in un certo modo è più percussivo... La mia mente è principalmente focalizzata su una nuova release di Sembler Deah. Per quanto riguarda i video, continueremo a provare cose nuove con il mio amico William Lacalmontie, che considero l'altro membro del progetto Treha Sektori. Penso che il prossimo disco di TS sarà pieno di video. Vedremo...



4. Dopo un anno, qual è la tua opinione sul tuo album "Endessiah" e quali sono state le reazioni dei fan rispetto agli album precedenti?

- Grazie alla Cyclic Law Records e ad Amenra, che mi hanno spinto a fare spettacoli dal vivo, ho avuto più esposizione, e penso che quell'album mi abbia messo di fronte a diversi tipi di pubblico. E' diventato più reale e sento che tutto è ancora da costruire. Non ascolto l'album dopo la sua pubblicazione, tranne per la traccia che suonerò dal vivo. Devo andare avanti, riesco a sentire solo gli errori, le cose che voglio cambiare quando ascolto la registrazione. Questo mi spinge a cambiare di continuo il mio approccio, per trovare nuovi suoni... Ma questo album è stato un punto di svolta per me. Mi ha dato tutto questo. Mi ricordo tutte le notti trascorse a piangere, oppure mentre ero felice, sentendo tante cose che non sono arrivato a tradurre al 100%. Ma evidentemente doveva essere così in quel momento.

5. Cosa è cambiato nel processo di registrazione per "Endessiah"? Quindi, qual è il concept principale di tale titolo?

- La mia vita è cambiata, ma non le varie preoccupazioni ed ossessioni. Quindi credo che il mio approccio si sia sviluppato, mentre il motivo principale è rimasto lo stesso. E' come essere seduti di fronte a se stessi e cercare di lasciar andare tutto. "Endessiah" significa questo, "lasciare andare tutto". "Find in your cuted alive stomach, what’s the core of the plant. Walk with a tied throat. Watching life where soil become sky".

6. L'album "Endessiah" è costruito su dense melodie oscure e atmosfere galleggianti, che campionatori ed effetti sono stati usati per questa release?

- In realtà non utilizzo il computer, tutti i suoni sono catturati da veri strumenti, oppure sono semplicemente suoni ambientali... Se voglio una percussione che mi ha colpito particolarmente, la tiro fuori dai miei effetti, ma niente è generato dal computer. Per me è difficile scrivere musica in questo modo. Io preferisco cercare in ciò che la vita mi ha messo nelle mie mani.

7. Qual è la differenza principale tra "Sorieh" e "Endessiah" dal tuo punto di vista? E come vedi la progressione tra questi due album?

- Penso che "Sorieh" era più ermetico, astratto, disegnato soprattutto sulla rabbia. "Sorieh" è stato scritto in uno stato di tristezza con origine sconosciuta. Passando da risate e passione, a vere e proprie lacrime. Ero più timido nel periodo di "Sorieh" e penso che questo abbia pesato sulla sua composizione. Tutto quello che faccio è guidato dalla necessità, è stato creato in quel modo, senza grandi cambiamenti. Ma io non so cos'altro aggiungere, sono due momenti diversi nel tempo, tutto deve sempre essere migliore, quindi spero che "Endessiah" sia superiore in un certo senso. I prossimi saranno differenti. Ora sento più pressione su di me quando scrivo del nuovo materiale, perché voglio fare del mio meglio, e per questo cestino un sacco di idee. "Sorieh" in un certo senso era più istintivo. I had visions to throw up, more scorched.



8. Sei in grado di dare una visione chiara su cosa aspettarsi dal prossimo lavoro? Hai delle news al riguartdo? Vorresti parlare del tuo nuovo processo di songwriting?

- Come ho scritto prima, penso che il prossimo album sarà una video release. Nulla è reale per il momento. Impossibile dire che cosa sarà il futuro, sono tante le cose che voglio fare, c'è un così breve lasso di tempo sulla terra, tanta energia viene fottuta dalla vita di tutti i giorni... A volte mi dà il mal di testa. Ma come succede al momento, il mio processo creativo viaggia in modo più "organico". Lavoro di più con le percussioni, alla scoperta di diversi strumenti (hardly try to learn Theremin those days)... La volontà del motore rimane la stessa, solo il risultato può variare.

9. La musica è una forma d'arte! Come si manifesta questa creatività nella tua evoluzione personale?

- Penso sempre che bisogna essere creativi per andare avanti, nonostante si possa annegare in brutti momenti e pensieri. Da bambino, volevo essere un regista di film. Ho anche usato il disegno in ogni secondo. Ho voluto assaggiare tutti i mezzi che la vita può offrire. Ovviamente, durante la mia infanzia, era un modo per sfuggire dalla realtà, e penso che oggi quello sguardo di bambino non è scomparso. Nella vita di tutti i giorni io lavoro come graphic designer e penso che il motivo non sia cambiato. Posso sentirmi in colpa nel non fare proprio nulla, bloccato in attesa
di qualche treno. Il perdere del tempo potrebbe portarmi nell'angoscia. Difficile da gestire questo nella vita, ma la creatività è sempre stata al centro della mia crescita personale. E lo è ancora.

10. Come fai a scrivere la tua musica? E' qualcosa che viene fuori naturalmente o hai bisogno di uno specifico umore, stato d'animo o emozione?

- E' abbastanza difficile per me trovare qualcosa di "buono". A volte è un vero e proprio dolore produrre del materiale, in altre non riesco a smettere di suonare dopo ore. Dipende sempre dal momento, su ciò che si vive in un determinato periodo. Un colore cresce dall'istante. A volte è buono, a volte no. Quando scopro di avere del materiale buono per un album, divento più selettivo, perché ho bisogno di sentire qualcosa mentre compongo. Non necessariamente per suonarlo.

11. Perché la scelta di utilizzare delle immagini in video durante i tuoi live?

- Non riesco ad immaginare delle apparizioni dal vivo senza di esse. Voglio che sia completo. Le orecchie e gli occhi devono lavorare come una cosa sola. Gli ascoltatori possono concentrarsi sulle immagini, o spero che ciò accada, chiudere gli occhi per immaginare qualcosa di diverso. Mi sento in piena sicurezza con quelle immagini dietro di me sul palco. Si tratta di qualcosa che riguarda me, sono dei pensieri nudi, sia sulle immagini che sui suoni. Mi sento circondato da loro, e tutto diventa immortale per un paio di minuti. Cerco di presentare qualcosa che stimoli la fantasia in ogni occhio. Non posso andare in scena senza di loro.

12. Per il futuro quali sono le tue aspettative in materia di pubblico?

- Se solo una persona potesse sentire qualcosa di mio, almeno per un secondo, sarebbe già una benedizione. Non mi aspetto nulla da parte del pubblico, salvo che siano liberi.

13. Che musica stai ascoltando in questi giorni? Hai degli album interessanti da consigliarci?

- Lot of theremin tunes, Japanese drummers, and as for albums, the “Enemy of Man” from Kriegsmaschine blown. Questo mi ha spazzato via da poco.

14. Grazie per l'intervista. Le parole finali sono tue...

- Grazie mille per l'intervista.



CONTATTI: trehasektori.com - facebook.com/Treha-Sektori

TREHA SEKTORI line-up:

Dehn Sora - compositore
William Lacalmontie - video

RECENSIONE:
TREHA SEKTORI "Endessiah" CD | LP 2013 - cyclic law







Nessun commento:

Posta un commento