mercoledì 11 dicembre 2013

Recensione: BEN FROST "Black Marrow"
DIGITAL ALBUM 2013 - autoprodotto




BEN FROST (nato nell'anno 1980) è un compositore/produttore australiano. Attualmente vive e compone a Reykjavík in Islanda. La sua agghiacciante musica minimalista, strumentale e sperimentale mette davvero i brividi se ascoltata nel buio di una stanza. Solo accendendo una piccola candela si potrà avere la sensazione di non sentirsi sbranati dalle bestie ruggenti presenti nelle prime due tracce del disco: "The Lake", "Undulating Beast" (sto parlando di ruggiti veri, campionati dal musicista all'interno del flusso sonoro). Mai sentito nulla del genere in ambito Dark, Industrial, Ambient. Oltre ad aver pubblicato diversi interessanti album (Steel Wound - 2003, Theory of Machines - 2007, By The Throat - 2009) è stato artefice delle musiche per vari film (Sleeping Beauty - 2011 e In Her Skin - 2009. ..Ovviamente non possono essere messe in secondo piano le collaborazioni con due importanti compagnie di danza contemporanea (la Chunky Move e The Icelandic Dance Company). Un appunto per l'interazione con il coreografo inglese Wayne McGregor. Frost sparge il liquido acido del suo cervello su di un terreno ghiacciato, cercando di corroderlo dalla superficie. Via via che la massa si scioglie e si consuma la reazione vitale si rallenta, il respiro diventa affannoso. Ben studia attentamente l'ambiente che lo circonda perché si pieghi alla sua volontà. Con la robustezza delle note tocca la parte interna del corpo dove la carne è più calda e dove le sue lame taglienti possono lacerare senza lasciare residui. Ognuno di voi potrà dare un'interpretazione soggettiva al disco. Questo è il cancello dietro il quale si trova un mondo nascosto e insalubre! Ben Frost è un artista che lascia solchi profondi, infatti tutto ciò che giace in "Black Marrow" crea un concentrato di vibranti pulsazioni. E' un lavoro dalle tinte fosche che dimostra il talento di un musicista unico, abbracciato costantemente dall'ispirazione!

Contatti:

benfrost.bandcamp.com/album/black-marrow
facebook.com/theghostofbenfrost

TRACKLISTING: The Lake, Undulating Beast, Carbon Vessel Motherfucker, Metal On Skin, A Crude Awakening, Familia I, Familia II.




Nessun commento:

Posta un commento