martedì 26 novembre 2013

Recensione: VALKYRJA "The Antagonist's Fire"
CD | LP 2013 - world terror committee




Agghiacciante il ritorno degli svedesi VALKYRJA, servi del male dall'anno 2004. La sostanza corrosiva dei 3 album pubblicati gli ha procurato una posizione di tutto rispetto nel panorama del black metal e, forse, sono veramente pronti per poter condizionare quanti hanno pensato che i Watain fossero l'unica formazione a portare avanti una certa dottrina dal flusso oscuro, funesto. Schiavi delle proprie omelie/litanie negative (tangibili e implacabili) questi musicisti si contraddistinguono per l'efferatezza dei brani e per i tormenti in essi contenuti, alcuni dei quali capaci di donare vibranti emozioni modellate nei più profondi abissi dell'oscurità. Potete fare affidamento ad una song come "The Cremating Fire" per farvi mutilare senza nessun indugio! Dall'ultimo album "The Antagonist's Fire" emergono aspetti deliranti che potrebbero dimostrare, se correttamente approfonditi, quanto la storia di questo genere musicale sia sempre stata condizionata da elementi dal forte potere occulto. Ciò è comprovato! Per essere precisi: I Valkyrja si rivelano attraverso le loro potenzialità, rendendo l'attuale operato molto più aggressivo e spietato. Questi due fattori combinati, padronanza sugli strumenti e arrangiamenti riusciti, producono qualcosa che scuote. Indipendentemente dai gusti personali, la musica degli scandinavi è migliorata durante i nove anni di attività, per questo, in futuro, non potranno che generare altre vittime. Neri come la pece! Consigliato.

Contatti: facebook.com/valkyrjaswe

TRACKLISTING: Betrayal Incarnate, The Cremating Fire, Madness Redeemer, Yearn to Burn, Eulogy (Poisoned, Ill and Wounded), Season of Rot, Treading the Path of the Predator.


Nessun commento:

Posta un commento