martedì 5 novembre 2013

Intervista: ZHAOZE - "LE PORTE DELLA PERCEZIONE"






SONO CONTINUAMENTE ALLA RICERCA DI BAND INTERESSANTI DA FARVI CONOSCERE ATTRAVERSO SON OF FLIES WEBZINE E FORTUNATAMENTE NE TROVO DAVVERO MOLTE NEL PANORAMA UNDERGROUND. OGGI E' IL TURNO DEI CINESI ZHAOZE, CHE CON "YOND" GIUNGONO AL LORO TERZO ALBUM. QUELLO CHE LEGGERETE E' UN VIAGGIO NELLE TERRE AFFASCINANTI D'ORIENTE, CHE ALIMENTANO IL LAVORO DI QUESTI BRAVISSIMI MUSICISTI. HO CONTATTATO HOYLIANG PER UNA BELLA E APPROFONDITA INTERVISTA.

1. Ciao Hoyliang. Voglio iniziare dicendo: "La vostra musica è davvero Incredibile" hahaha... Quando hanno iniziato a suonare gli Zhaoze? Il nome scelto è molto particolare...

- Grazie! Abbiamo pubblicato il nostro album di debutto nel 2001, ma Roy ed io avevamo fondato questo gruppo da prima, quando andavamo ancora a scuola. Zhaoze, il nome della band, ha una sorta di sensazione orientale, forse perché è scritto con l'ortografia Chinese Pinyin. Zhaoze significa 'The Swamp' in inglese (palude), e la palude è anche il nome della nostra prima canzone.

2. Per prima cosa parliamo di: "Yond"! Avresti mai immaginato che sarebbe diventato un album totalmente acustico? Come descriveresti i vostri esperimenti in musica? Quanto tempo dedicate nell'applicare questa bella formula?

- Un album acustico? Non ho pensato a questo, ma forse ad un'altra splendida vista musicale. Ci abbiamo messo più di 10 anni nel ricercare la nostra strada. Fin dalla prima volta, eravamo ambiziosi su questo,
ma non sapevamo come raggiungerla. Poi abbiamo provato un sacco di stili musicali diversi, nel primo periodo suonavamo progressive-rock , brit-pop, alternative, musica folk, ecc. successivamente suonammo elettronica sperimentale, ambient, post-rock e così via. Tutto questo lo abbiamo fatto per capire che tipo di suono era adatto a noi. Nel 2006, invece di prendere la chitarra, ho iniziato a suonare più spesso il Guqin, il più antico strumento a corde tradizionale della Cina, e così abbiamo cercato di miscelare la verve tradizionale cinese nella nostra musica. L'estetica del Guqin, è spesso al polo opposto del rock n' roll. Ad esempio, lento e morbido è più piacevole, spesso si suona aritmicamente e adottando la semplicità è sempre meglio, anche lasciarlo in silenzio, proprio come la pittura cinese lascia sempre uno spazio bianco in un sacco di carta. Abbiamo a cuore questi valori. Infine, volevamo costruire un'unica vista di suoni, mescolando l'estetica classica cinese, quella moderna del rock strumentale, con alcuni caratteri speciali del nostro sound. Credo non sia solo world music o post-rock. Nel 2010, pubblicammo la prima base strumentale con il Guqin per l'album "CangLangXing", e, nel 2011, arrivò l'album "1911", composto da una sola canzone di un'ora.



3. Quali sono le idee che stanno dietro l'album "Yond"?

- Penso che "Yond" sia come un concept album, lo si può guardare come una storia di un viaggio, non importa se sia un corpo che si muove o solo un viaggio della mente. Ci sono delle differenze tra "Yond" e i nostri due vecchi album. "CangLangXing" è poetico e romantico, "1911" è patetico
e storico, mentre "Yond" è più fantasioso. Ci sono molti punti di vista differenti. Abbiamo cercato di descrivere tutto ciò con "Yond", partendo da aspetti diversi in 6 canzoni. In qualche modo, la vita è un lungo viaggio. Nell'ultima canzone, "The Sooty Shearwater" si guarda al mare
e le persone possono percepire / vedere come l'uccello ha concluso le sue diecimila miglia. Esso è esausto in piedi sulla costa, ma quando sente il fragore della cresta dell'onda, nel suo cuore scorrono ancora tantissime passioni. "Yond" è il titolo dell'album, e Yond sta anche a significare quanto noi andremo lì. Negli anni passati, di volta in volta, cambiammo noi stessi per raggiungere nuovi traguardi. In questo lavoro, abbiamo provato a fare alcuni esperimenti, ad esempio, suonando il Guqin con un Cello bow. Il tono è un misto tra violoncello e Erhu, eppure ha sempre il carattere del Guqin. Aggiungendogli vari effetti come delay, riverbero, e anche alcune distorsioni,siamo riusciti a raggiungere il risultato che si può ascoltare. Inoltre sperimentammo una nuova diteggiatura sul Guqin e tutto ciò ha cambiato di molto l'approccio a questo vecchio strumento acustico. Inserimmo altri nuovi strumenti: lo Xiao (uno strumento a fiato cinese), poi, un 5 strings Bass con high C, e un glockenspiel in alcune canzoni.

4. C'è un tocco cinematografico nell'album, forse a causa di queste spettacolari viste sulla musica... l'approccio sembra essere piuttosto introspettivo. È un album autobiografico?

- Noi non lo vediamo come un album autobiografico di noi stessi, ma rispecchia la nostra voce interiore e le nostre sensazioni. Penso che
il modo migliore per scrivere una canzone sia esprimendo se stessi, e
se riesce a toccare te stesso, è possibile che tocchi gli altri, l'un l'altro. Noi amiamo l'atmosfera cinematografica, e abbiamo cercato di fare un po' di musica simile ad una colonna sonora nei diversi album precedenti. Utilizzare quel background per aiutare l'immaginazione del pubblico.

5. Volevo chiederti una cosa in particolare: Sembra che in generale ci sia un'influenza folk su alcune delle canzoni. C'è una certa vena di improvvisazione in tutto ciò? La vostra musica è assolutamente intensa!

- Alcune canzoni sono state composte e arrangiate utilizzando in primo luogo l'improvvisazione, e da li le abbiamo modificate ulteriormente.
Ad esempio le canzoni "Wishful Ship" e "The Metamorphosis", sono state proposte dal vivo per diversi anni, mentre la song "Who Have Lost Dreams" è nata da varie jamming nella nostra sala prove, ed è stata cambiata rispetto alla precedente versione di 6 min. Ora è vicina ai 10 min.



6. Se dovessi scegliere una canzone da "Yond"? Per esempio "The World Is A Blue Stone" è il mio brano preferito dell'album...

- Anche il mio. Infatti, se ritieni che ascoltando l'intero album sia come guardare un film (come tu hai citato sopra), o se invece si guarda al disco come delle Symphonic Suites, forse il mondo è veramente come una pietra blu. Il nostro batterista Seasean, ha curato il mixing di questo album, e lui ha detto che la song che preferisce è "The Metamorphosis". Questa canzone era così toccante ed emozionale sul palco del tour. Molte persone ci hanno detto che amano la seconda composizione dell'album, in effetti è interessante. "Who Have Lost Dreams" è più come un sogno fantastico.

7. Potresti spiegare l'esatto significato del titolo dell'album?

- Ho scritto una poesia cinese, che è un altro giusto modo per parlare del titolo "Yond", è nella pagina interna dell'album, ma ora sono un po' imbarazzato perché non riesco a tradurla in inglese. "Yond" mi ispira come una terra da sognare, e credo che la fantasia può essere il luogo più lontano. Potrebbe esserci una lunga distanza. Come ho già detto in precedenza, "Yond" è anche il luogo più lontano da raggiungere nella nostra carriera musicale. Incidentalmente, le due parole, "yond" in inglese e "远" in cinese, pronunciandole, sono simili nel significato. Ecco, questo mi ricorda anche una frase:"l'umano viene tutto dall'Africa" , entrambi corriamo un lungo cammino in direzioni diverse, ma ancora una volta ci incontreremo, e ciò è simile all'incontro tra il Guqin e la chitarra. Guardo al titolo come il punto di partenza dello scrittore, ma quando si crea musica, diventa un lavoro indipendente, e solo così tutte le persone potranno costruire le proprie immagini, ed è questo il punto interessante della musica strumentale. In un certo senso, il nome di un album o di un brano, è come il nome di una persona, come un padre e una madre danno il nome al proprio bambino, questo è tutto.

8. L'artwork dell'album è affascinante...

- Sì, siamo orgogliosi di questo. L'art design è stato fatto da Seasean, che mi aveva dato alcune idee per la wrapper structure. Invece, le foto di copertina le abbiamo prese da Joanna, assistente della band, mentre la foto dell'inlay è stata presa da un amico. Spesso adottiamo la mentalità DIY, ed è una tradizione seguita dal nostro gruppo. Dal punto di vista dell'arte, l'immagine di copertina è stata trasformata in pittura a inchiostro cinese, come la musica stessa, caratterizzata da un'estetica tradizionale cinese. Penso che sarà molto meglio guardarla sulla versione fisica del disco.

9. Al momento... Come sono le risposte del pubblico per "Yond"?

- C'è un certo numero di persone da noi in Cina, che ha ascoltato gli Zhaoze per molti anni, e le risposte sono abbastanza buone. Ma, posso dirti che inaspettatamente i Chinese Music Media Awards, che è un premio importante in Cina, hanno scelto "Yound" come uno dei Top 10 album d'autunno, e questo disco è stato il numero 1 con un altra pop star, Eason Chan. Quelli dell'organizzazione dell'evento hanno voluto dare pari considerazione sia alla musica pop che all'indie, e questa è stata una vera sorpresa.



10. Che cosa significa la musica per te?

- E' una parte della mia vita. Mi chiedo continuamente il significato dell'esistenza, e non c'è mai una risposta, c'è così tanta tristezza e depressione, ma poi, la musica aiuta a lenire e dà piacere. Quando ho lasciato la scuola, ho pensato su come sarebbe stata la mia carriera, pensai che doveva essere uno stile di vita che mi piace veramente, ed effettivamente è stato un modo per lavorare insieme con i miei amici più stretti... così ho scelto di formare una band.

11. Quali sono state le tue influenze? Alcune parole su di te?

- Mio padre mi ha influenzato molto, è un musicista che suona il Di e lo Xiao, (Di, Xiao sono strumenti a fiato cinesi). E' stato lui ad occuparsi della scrittura a mano in lingua cinese nei nostri ultimi tre album, tra cui "Yond". Le influenze musicali sono diverse: qualsiasi tipo di rock, il jazz, la musica classica occidentale e la musica tradizionale cinese. In letteratura, amo Franz Kafka e la poesia classica cinese. Alcune parole su di me? Io sono un ragazzo smemorato, preso sempre da voli di fantasia, e immerso in parole cinesi, una sorta di tristezza per la primavera e per l'autunno.

12. Qual è il tuo album preferito nel post rock e perché?

- Sigur Ros, “()”, così tenero e meraviglioso; Mono “Hymn To The Immortal Wind”, una magnifica e dolente epicità , Tortoise “Millions Now Living Will Never Die”, un incredibile visione del suono, lì c'è tutto riguardo l'ispirazione e l'ingegno.

13. Quali sono le vostre opinioni al giorno d'oggi per la scena musicale contemporanea della Cina?

- Negli ultimi 20 anni, c'è un'esplosione del Pop nella scena Cinese. Tuttavia, da un lato, molti musicisti sono impegnati e a caccia dei passi del Rock e Pop dei paesi occidentali, che è quasi diventato il sinonimo della musica contemporanea del mondo, e dall'altro lato, ci sono quelli che cercano di modernizzare la musica tradizionale cinese, ma solo con l'aggiunta di alcune melodie cinesi a ritmo rock. Alcuni sono realmente interessanti, come DouWei , The Secret Backyard, ecc...hanno fatto grandi lavori per conto proprio.

14. Ci saranno delle date europee per gli Zhaoze?

- Ci sono così tante persone meravigliose e bei luoghi in Europa, siamo tutti ansiosi di andare lì, soprattutto per lanciare lì un tour, ma non c'è ancora una possibilità. E credo che la maggior parte d'Europea non ha ascoltato la nostra musica, quindi siamo molto grati a te Christian per presentarci a più persone.

15. Quindi cosa possiamo aspettarci in futuro dagli Zhaoze?

- Stiamo producendo un DVD che si intitolerà "Yond", come l'ultimo album. Collaboreremo con alcuni video artists cercando di esprimere bene l'idea musicale attraverso immagini visive. Inoltre, abbiamo già iniziato a preparare il prossimo album. Tratterà di alcune storie in una notte, sarà un album onirico e affascinante.

16. Grazie per l'intervista!

- Sei il benvenuto.



CONTATTI:

zhaoze.bandcamp.com

facebook.com/pages/%E6%B2%BC%E6%B3%BD-Zhaoze/53806369768

ZHAOZE line-up:

Hoyliang - Guqin, Guitar, Vocals, Keyboard
Littledream - Guitar, Mini Keyboard
Roy - Bass, Melodica
Seasean - Drums, Percussion

RECENSIONE:
ZHAOZE 沼泽 "Yond 远" CD 2013 - 89268 records





1 commento:

  1. oddio, qualcuno che conosce i Zhaoze in Italia, sono commosso

    RispondiElimina