venerdì 18 ottobre 2013

Recensione: NAHAR "The Strange Inconvenience"
CD 2013 - avantgarde music




Dopo le ottime releases messe sul mercato per entità accattivanti come Manii, Situs Magus e Echoes of Yul, l'italiana Avantgarde Music (fondata da Roberto Mammarella ex. Monumentum e Cultus Sanguine) amplia il proprio catalogo con il nuovo full-length dei francesi NAHAR, progetto musicale di enorme complessità, portato ad un livello più alto per stabilizzarlo oltre il piano asettico del tipico black metal. I Nahar si concentrano sulla ricerca/sperimentazione e riescono ad ottenere il meglio dai propri strumenti. Con lo scorrere dei minuti la formula sonora all'interno di "The Strange Inconvenience" si arricchisce di tensione nera come la pece, mentre dall'esterno l'ascoltatore distratto potrebbe pensare che ad unire gli elementi del sound sono i soliti riconoscibili tasselli del genere. Sbagliato! Non è così! L'immaginario dipinto da Nahar è raccapricciante e, fortunatamente non si denuda mai dinanzi al fascino della perdizione, mantenendo inalterata (per tutta la durata del lavoro) quell'aurea di mistero che rende speciale questa oscura entità. I Nahar hanno dato linfa a composizioni monumentali, portando il black ad uno spessore non comune alla norma. Su gruppi del genere bisogna concentrare le attenzioni! "The Strange Inconvenience" si alimenta nel buio impercettibile, catturando l'animo disturbato di ogni ascoltatore. Solo così l'intera catarsi potrà completarsi. Follia? Genialità? Può essere... Ciò che rimane è il senso di impotenza quando il rito si rivela dinanzi agli occhi. Perciò non serve un'analisi approfondita su ogni traccia presente nella tracklist. Ognuna di queste possiede una dose evocativa così massiccia/letale che non basterebbero litri di metadone per poterla placare. Un consiglio?
Se siete portati, compratelo a scatola chiusa! "Pessimist" vale da sola l'acquisto.

Contatti: avantgardemusic.com

TRACKLISTING: Grey Concrete..., Puryfing Negativity, D.M.T., Pessimist, An Atavistic Manner, Eléctric Equinox.


Nessun commento:

Posta un commento