mercoledì 23 ottobre 2013

Recensione: ATRIUM CARCERI "The Untold"
DIGITAL ALBUM | CD 2013 - cryo chamber / tesco




Ci sono molti modi, tutti validi e nessuno escluso, per avvicinarsi allo scenario apocalittico dello svedese Simon Heath, mente di ATRIUM CARCERI (ora stabilitosi a Santa Clara - California - USA). Annientarsi al fuoco ardente dei suoi album è pura catarsi, nel nome del tormento. I passaggi di tempo e degli anni portano con se ascese o cadute improvvise... notti buie e giorni sempre più oscuri, difficili. Questo Simon lo vive da molti giorni, lo metabolizza, per poi trasportalo in musica. Ognuno edifica la propria soggettività per viaggiare nel cielo grigio dei nostri tempi. Questo nuovo album "The Untold" descrive minuziosamente l'ampia parabola di un uomo/artista che, da qualunque angolatura lo si voglia guardare, è diventato uno dei più grandi compositori di dark ambient music al mondo! "...L'innovazione non è gettare la propria personalità in una fossa, ma rifiutare gli inutili compromessi per imporre il proprio 'vero' spirito e i rispettivi valori. Atrium Carceri è lo specchio in cui si rifrange e si amplifica la creatività intuitiva di Heath, nella quale la spiritualità profonda diventa lacerante!!! Il musicista mette al servizio di questo disco tutte le sue sconfinate potenzialità/caratteristiche: l'immaginario evocativo, l'espressività disarmante delle musiche, la secchezza captante dei suoni, la sicurezza con cui li compone, la riflessione, l'integrità, il fascino per la decadenza inevitabile. Un universo di pensieri profondi e di squarci luminosi in cui dei battiti costanti s'intersecano a degli echi di pura follia. Qui, il rhythm di Simon addensa la tradizione del dark ambient, rigenerandolo con un'identità ammirevole. Il forte calore di fondo brucia il terreno ghiacciato per creare una sorta di simbolismo pagano, quel modo di guardare alle cose come se le si volesse trasformare incessantemente. "The Untold" è un lavoro imperdibile, cupo, penetrante, esemplare, che serve per difendersi dal dolore interno/esterno, ma anche per estirpare dal corpo le radici marce ed inutili. La sua incredibile musica ipnotica, complessa senza artifici, vibrante senza calcolo, tende all'oscurità come attratta da un'energia magnetica. E ogni volta che lui deciderà di osservare la realtà che ci circonda per infettarla da vicino, noi saremo sempre lì, inchinati ai suoi piedi, invocandone le rispettive gesta. Oggi, a distanza di un anno da "Void" un'altro capolavoro è stato messo a disposizione. Disponibile in versione digitale sul sito bandcamp dell'etichetta dello stesso musicista (Cryo Chamber), mentre la versione su cd verrà confezionata dalla tedesca Tesco. Acquistatelo e veneratelo!

Contatti: atriumcarceri.com - cryochamber.bandcamp.com

TRACKLISTING: The Expedition, Unlocking the Seal, The Way Down, Catacombs of the Forgotten, A Flickering Hope, Thorn of War, Comfort of the Night Mother, The Untold, The Traitor, Realitatem, Great Old One, Ego Death.


Nessun commento:

Posta un commento