venerdì 19 ottobre 2012

Recensione: MALIGNANCY "Eugenics"
cd 2012 - willowtip




I MALIGNANCY fanno il definitivo salto di qualità. Oggi la band è cresciuta molto da quel debutto intitolato "Intrauterine Cannibalism" (1999), e con "Eugenics" realizzano senza alcun dubbio il loro album più completo (oggi più vicini ai Cephalic Carnage). I newyorkesi sanno dove picchiare, come bastonare chi si addentra nel loro recinto! Non che i Malignancy siano diventati degli innovatori nel genere, ma sicuramente non si può non denotare come questo disco porti con se una ventata di brutal death metal suonato come si deve, con la giusta dose tecnica (senza mai strafare). Con il passare degli anni i nostri hanno accantonato certe nefandezze scontate in favore di soluzioni molto più dinamiche. Il pregio più grande di questa formazione è senz'altro la solida corporatura di ogni componente, i loro arrangiamenti sono ottimi, i brani ben assemblati, quindi non va sottovalutato nulla durante l'ascolto. La performance del leader Danny Nelson dietro al microfono è buona anche se calca molto su tonalità iper-gutturali (un po troppo monocordi), ma la fortuna è che a momenti riesce a sezionare la sua timbrica con uno screaming veramente notevole. Una cosa è certa, i Malignancy ci hanno rivelato la loro migliore personalità spalmata su dieci pezzi killer.

Contatti: willowtip.bandcamp.com/album/eugenics - myspace.com/malignancy

"EUGENICS" TRACKLIST: Intro, Type Zero Civilization, Eugenics, Extinction Event, Global Systemic Collapse, Cataclysmic Euphoria, Separatists, Monstrous Indifference, Cryptobiosis, Creatures Of Conformity, The Breach.


Nessun commento:

Posta un commento