venerdì 12 ottobre 2012

Recensione: KRONIUM "Flows of Hate"
cd 2012 - autoprodotto




I KRONIUM sono un'altra interessante band Salentina che ci propone un death metal disinvolto e dai forti elementi moderni (pur tenendo vive le caratteristiche standard del genere), il tutto confezionato dal preciso guitar-riffing di Luca Alfieri (fondatore della band nel 2002) capace di dimostrare versatilità, belle idee, buona espressività in esecuzione, assoli ben calibrati. La carica vocale di Marco Landolfo si immerge bene nella nevrosi generale del loro sound, mentre il drummer Cesare Zuccaro continua a picchiare, non manca di aggressività e svolge un lavoro consistente, vario; meriti (i suoi) che danno freschezza alle composizioni. Da specificare che il basso sul disco è stato suonato/registrato da Davide Memmi, mentre l'attuale bassista del gruppo è Alessandro Garofalo. "Flows of Hate" è un orgia di suoni che potrebbero accontentare gli ascoltatori più attenti a sonorità moderne ma anche quelli di vecchia data. I sei pezzi sono abbastanza lunghi (oltre i quattro minuti), questa è l'unica pecca che a lungo andare potrebbe far calare un po l'attenzione su ogni singola traccia (dipende da voi).
Le registrazioni (discrete) del disco sono state realizzate nel Salento al "K studio", mentre il mastering affidato a Paolo Ojetti degli Infernal Poetry presso il "Potemkin Studio". In conclusione vorrei aggiungere che secondo il mio punto di vista, durante le fasi di mixaggio e mastering certe cose meritavano più attenzione, visto che i ragazzi dei Kronium hanno suonato un buon disco. Insomma, un lavoro onesto, un autoproduzione che merita di essere ascoltata e acquistata.

Contatti: myspace.com/bandkronium - marco.landolfo@libero.it

"FLOWS OF HATE" TRACKLIST: The Injection (intro), Flows of Hate, The Wrapskin, At Purity of Creation, Visual Decay, This Fallen Soul, Deviance.


Nessun commento:

Posta un commento