venerdì 26 ottobre 2012

Recensione Concerto: GIUDA + Cleopatra Sound
20 ottobre 2012 - Guernica - Arnesano (Lecce)




Attualmente in Provincia di Lecce oltre all'Istanbul Cafè di Squinzano,
i Sotterranei a Copertino, c'è anche il Guernica ad Arnesano come punto di riferimento per concerti e appuntamenti vari. Il 20 ottobre questo bellissimo locale ottenuto da alcuni scavi in una cava riapriva al pubblico la sua nuova stagione, portando come ospiti della serata i romani GIUDA (spinti e prodotti dall'etichetta salentina WHITE ZOO RECORDS di Sergio Chiari) uno dei gruppi più apprezzati degli ultimi tempi in campo punk/rock'n'roll/glam. Reduci da un tour americano andato oltre le loro previsioni (come mi accennava il cantante della band a inizio serata) ritornano in Italia per fare tappa in Salento accontentando così i tanti che li volevano vedere.



Ad accompagnarli prima e dopo lo show c'è il ritmo pulsante di Leroy Tony e Little Franz dei CLEOPATRA SOUND (scelta azzeccata visto il contesto complessivo). I Cleopatra sono attivi in terra salentina dal 2009 con il meglio della black music americana e jamaicana.

Al Guernica la gente arriva sempre tardi ed è infatti dopo la mezzanotte che il numero di presenze diventa pian piano un fiume in piena, questo, fa respirare un aria davvero speciale all'interno del posto.



Parte il live dei Giuda! Si comincia con "Wild Tiger Woman", "Rave On", "Fat Boy Boogie" tre brani che sprigionano subito buone emozioni dal tiro piccante. Clash, Ramones, AC/DC si intrecciano spesso nelle loro sonorità... Davanti al palco le ragazze (soprattutto) e i ragazzi iniziano a ballare, le mani sempre in aria a tenere il ritmo. Un bel tiro adrenalinico quello dei Giuda mentre passano la palla con "Tartan Pants" molto bella nei ritmi spezzati e "Black Home" spinta su velocità rock'n'roll niente male. "Coming Back To You" porta lo stile dei primi grandi AC/DC tanto da sembrare presa dalle sessioni di "High Voltage". La band tiene bene il palco continuando spedita attraverso le vibrazioni di "It's My City", "Get It Over" (cantata ad alta voce dai presenti in sala). Si ritorna in attacco con la bellissima "Number 10" tratta dal loro album "Racey Roller"... C'è tanta grinta, sudore... Si balla muovendo la testa, si salta... Non c'è altro da fare su questo tipo di note. I Giuda sono ormai caldi e portano altra energia allo show con "Teenage Rebel", la strumentale "Racey Roller", "Get On The Line", la pungente "Speak Louder", infine la conclusiva "Hey Hey". Dopo un bis richiesto i romani abbandonano lo stage tra gli applausi anche se sono molti quelli che si aspettavano un live più lungo. Solo 45 minuti se non erro. Per il resto, a parte alcuni piccoli problemi tecnici con il microfono del cantate, è stata un'ottima performance. Un applauso a Mirko Skin e tutta la crew del Guernica per questo evento riuscito in pieno!

Nessun commento:

Posta un commento