lunedì 24 settembre 2012

Recensione: AFGRUND "The Age of Dumb"
cd 2012 - willowtip




Già dalla copertina gli svedesi (in parte, visto che attualmente alcuni componenti della band sono finlandesi, italiani...) AFGRUND fanno capire da subito come la pensano. "The Age of Dumb", nuovo capitolo della band, è, infatti, un concentrato di brani dalla potenza deflagrante, una vera esplosione di ira. La forza di questi ragazzi sta nell'essere riusciti a mettere insieme una carrellata di brani di grande impatto, dimostrando che anche in un genere come il grindcore più efferato si possano comporre canzoni funzionali, incisive e credibili. Gli Afgrund mi sono sempre piaciuti per la loro proposta serrata, sincera e convincente. Ottimo Sound! Sfoderano vere e proprie mine al fulmicotone. La tensione generale dell'album rimane sempre alta e questo grazie alla capacità di rendere i brani versatili e dinamici. Tra parti hardcore/crust e sfuriate grind da infarto. Avanti tutta Afgrund!

Contatti: myspace.com/avgrund

"THE AGE OF DUMB" TRACKLIST: Life And Death Of A Broiler, Living The Nightmare, The Might Of A Nation, H.A.A.R.P.Y., Beaurocrap, Carniwars, Genocide To Glorify, Repaint The Truth, An Aggregation Of Misfortune, Discorporate, The War On Drugs, Planet Monsanto, Le Grand Illusion, Nuclear Hazzard, Life Banned, Bullets Are Forever, He Who Plants Sorrow, The Carrier.


Nessun commento:

Posta un commento